sabato 9 aprile 2011

INDACO DAGLI OCCHI DEL CIELO

Dice una canzone dolce di Zucchero, che mi è tornata in mente in questi giorni in cui ho per la prima volta provato a tingere con l'estratto naturale di Indaco appunto.

Il barattolo di polvere blu giaceva nel mobile da diversi mesi senza che osassi metterci mano; ora, complice l'aria di primavera che mi rende più operosa del solito, nonchè più vicina a mamma natura e alle sue piantine, mi sono buttata e ho capito perchè si dice che tingere con i pigmenti naturali sia un'operazione quasi alchemica, e soprattutto colorare con l'indaco.

Intanto  il principio con cui si tinge, lana o altre fibre, è piuttosto diverso da quello a cui ero abituata: si deve preparare accuratamente la fibra e prendere il colore, e quindi sono forse quasi più delicati e importanti i passaggi preliminari piuttosto che il bagno di tintura vero e proprio; la fibra deve essere messa a bagno, poi si deve preparare il calderone con i mordenti, cui si aggiunge l'indaco , e solo alla fine l'ultimo agente che serve per estrarre il pigmento e renderlo solubile.

Infatti da sola la pianta non produce il colorante blu, ma un suo precursore, che deve appunto essere reso solubile per legarsi alle fibre. La magia è che quando si prepara il bagno di tintura tutti i componenti vanno agitati poco e piano per un'ora circa finchè il colore del liquido  risulta giallo-verde (!!!!!!!!!!!!!). A questo punto si aggiunge la fibra che diventa un verdino azzurro chiaro (!!!!!!!!!) e solo dopo essere estratta dal bagno, sciacquata brevemente e lasciata all'aria si ossida e diventa del colore blu-viola intenso tipico cui associamo l'indaco.

Ero felice come una bambina quando stavo ad ammirare la mia matassa di lana BFL che cambiava colore nel giro di 10 minuti all'aria! Eccola:

indaco 1° BFL

indaco 1° BFL det 2

La storia dell'indaco però non finisce qui, anzi dovrei scrivere non inizia qui... perchè in tempi non sospetti ovvero durante il viaggio di nozze, periodo in cui non avevo ancora coscienza della mia passione per filatura e tintura etc - ma lavoravo solo "banalmente" a maglia - una parte del viaggio siamo stati nel nord del Vietnam, al confine con la Cina. Questa zona stupenda e verdissima è rifugio di alcune etnie molto antiche che vivono ancora abbastanza secondo le proprie tradizioni; una di queste è la popolazione Hmong, che conoscevo già  per lavoro in quanto famosi produttori di tessuti tinti con l'indaco...

Bene una volta lì la gente è molto felice di raccontarti come vive, soprattutto se poi compri qualche manufatto o gli fai semplicemente compagnia, e quindi mi avevano raccontato dell'indaco, mostrato le piante - quelle lungo il bordo inferiore della foto per capirci:

PA200321

Mi avevano portato nell'edificio in cui preparano le fibre di canapa per la tintura e poi tessitura:

PA190283

PA190292

I loro abiti tradizionali infatti sono tipicamente blu scuri adornati con passamanerie colorate e monili di metallo; ma soprattutto è normale vedere donne dalle mani colorate... e il colore non è blu come si pensa, ma giallo / verde... ora ho capito perché!

PA200365

Il pensiero ricorrente rivedendo queste foto di 4 anni fa è: questo è stato finora il viaggio più bello della mia vita, non dovrei meravigliarmi che mi avesse fatto conoscere meraviglie che poi sarebbero diventate la mia più grande passione, anche se allora non ci avevo fatto caso più di tanto... possibile che non abbia ancora capito che bisognerebbe stare sempre con occhi e cuore aperti per riconoscere tutte le briciole di magia che la vita ci offre in momenti non sospetti e che ci potrebbero far cambiare  il corso dell'esistenza???

Se ce la facessimo saremmo sempre a bocca  aperta come i bimbi che scoprono il mondo per la prima volta, eppure non servono tante dimostrazioni...basterebbe provare...

4 commenti:

lalazoo ha detto...

Hai detto bene,tingere con l'indaco è un processo quasi alchemico, a me ricorda quando impasti gli ingredienti per fare il pane e poi li vedi lievitare piano piano... Che bello... vorrei passare la vita a fare solo queste cose...Ciao!! A presto!!

Anonimo ha detto...

ciao la matassa è venuta benissimo, siccome ho acquistato anche io della polvere di indicao nonchè i semi da piantare potresti dirmi i passaggi che hai fatto per tingere

grazie Federica

sbroeff ha detto...

Ciao Federica
io ho sciolto 2 cuc.ni di carbonato di sodio in acqua calda e poi a qursti altri 2 cuc.ni di indaco. A parte ho scaldato una pentola d'acquacui ho aggiunto 3 cuc.ni di tiourea mescolando piano per non fare entrare ossigeno nella soluzione. Poi ho aggiunto l'indaco e mescolato sempre piano, dopo aver lasciato 1 ora il bagno a tempereatura più o meno costante ho aggiunto la lana bagnata e strizzata; l'ho lasciata lì per 15 min cercando di mantenerla tutta immersa.
Alla fine l'ho tirata fuori e passata subito nell'acqua tiepida e poi strizzata e lasciata per mezz'ora all'aria apta ad ossidare, poi ho sciaquato via i residui di tinta. ah Ho tenuto il bagno coperto al buio per riusarlo ancora!!! spero di esserti stata utile

Stefania ha detto...

Ciao Federica
io ho sciolto 2 cuc.ni di carbonato di sodio in acqua calda e poi a qursti altri 2 cuc.ni di indaco. A parte ho scaldato una pentola d'acquacui ho aggiunto 3 cuc.ni di tiourea mescolando piano per non fare entrare ossigeno nella soluzione. Poi ho aggiunto l'indaco e mescolato sempre piano, dopo aver lasciato 1 ora il bagno a tempereatura più o meno costante ho aggiunto la lana bagnata e strizzata; l'ho lasciata lì per 15 min cercando di mantenerla tutta immersa.
Alla fine l'ho tirata fuori e passata subito nell'acqua tiepida e poi strizzata e lasciata per mezz'ora all'aria apta ad ossidare, poi ho sciaquato via i residui di tinta. ah Ho tenuto il bagno coperto al buio per riusarlo ancora!!! spero di esserti stata utile

INFO DI SERVIZIO:

PER IL MOMENTO NON STO METTENDO IN VENDITA SU ETSY I FILATI TINTI CON PIGMENTI NATURALI, LI RISERVO PER I PROBABILI MERCATINI D'AUTUNNO, MA SE A QUALCUNO INTERESSANO SCRIVETEMI!!

LinkWithin

Blog Widget by LinkWithin

I MIEI FAVORITI SU FLICKR

VISITATORI PASSATI FINORA DA QUI:

counter to blogspot