domenica 11 aprile 2010

BLOCCATO!

Mi sono decisamente presa qualche giorno di distrazione da blog lavori e affini, ma i primi giorni tiepidi e assolati non mi hanno proprio invogliata a stare davanti al PC più del dovuto, quindi niente posta, internet e scrittura , poca filatura, un po' di sferruzzo...
Però finalmente, non ci posso ancora credere, ho finito lo scialle Laminaria! Considerando che l'avevo iniziato l'autunno scorso non è male... quindi la mattina di Pasquetta mi sono dedicata con buona lena a bloccarlo. Era la mia prima esperienza con un lavoro lace - pizzo ndt - così ho letto sul blog della guru Eunny Jang le istruzioni su come dare forma a questo tipo di lavori (tra parentesi consiglio a chi sa un po' di inglese e si interessa di lavori pizzosi di leggere i tutorial di Eunny, perchè sono davvero interessanti e utili).
In pratica bisogna lasciare a bagno il lavoro finito magari con un po' di balsamo o ammorbidente per una mezz'oretta, poi lo si tampona in un asciugamano per togliere l'acqua in eccesso - non si strizza per carità!
Quindi, muniti di tanti, ma tanti spilli, si cerca una superficie abbastanza ampia e si comincia col bloccaggio - in genere si usa il letto, perchè così gli spilli si conficcano bene sul morbido e fissano i punti; considerando però che una volta steso il lavoro va lasciato asciugare bloccato, non conviene fare quest'operazione la sera se non volete dormire sotto una coperta di spilli! Allora, si parte puntellando il centro più o meno e un angolo, poi si tende mano a mano il lavoro spillando e seguendo il disegno formato dai punti in modo che  non si distorcano, e si mette in conto di dover spostare almeno 2/3 volte gli spilli mano a mano che si procede, perchè i lavori a maglia sono incredibilmente elastici e dopo poco cambiano forma. In teoria bisognerebbe piazzare uno spillo ad ogni cambio di disegno, per essere certi che tutte le sezioni del lavoro siano ben tese, e non spillare solo lungo il bordo... io ho fatto una via di mezzo ed ecco il risultato:
INTERO:
Laminaria
IL DISEGNO BLOOM:
Laminaria det bloom 
IL DISEGNO DEL BORDO:
Laminaria det 
IL DISEGNO STAR:
Laminaria det star

LA PUNTA:
Laminaria det point  Opinione: sono letteralmente innamorata del lavoro lace, mi sembra una delle forme davvero più creative e sublimi del lavoro a maglia, nonostante il filo sottilissimo  l'accortezza con cui lavorare per non fare errori nel disegno o non perdere maglie per strada, poi il risultato è fenomenale, così leggero e ricco di particolari! Non so se le mie foto rendono, comunque non vedo l'ora di iniziare il prossimo scialle - anche perchè questo alla fine non è risultato grandissimo, copre giusto le spalle mentre io sono più per avvolgermi negli scialli...

Tra l'altro secondo me sotto la categoria filati lace ci sono diametri diversi, perchè il filo che ho usato era davvero quasi fine come il filo da cucito o ricamo, sottilissimo, e invece guardando il modello originale il filato (Suri Blue di Fleece Artist, che deve essere pazzesco secondo me... guardate che colori!) pur essendo lace  mi pare un po' più spesso...

10 commenti:

ariarossa ha detto...

ma è una meraviglia!

zigzago ha detto...

Lo scialle è una meraviglia!!! Prima o poi voglio fare anche io uno di questi scialli "pizzosi", ne ho visto tanti su ravelry, ... e ho qui a portata di mano proprio un "Suri Blue" sfumato in colori favolosi, ... adesso mi manca solo il tempo!!! Avevo iniziato il "sagrantino", bellissimo davvero, ... ma in questo momento è fermo e spero di riprenderlo in mano prima possibile! Ti auguro una buona settimana creativa, Renata.

Anonimo ha detto...

ciao Stefania
complimenti!!! è bello bello bellissimo
cosma

gragra ha detto...

bellissimissimo!!!
brava!!
ciao

bilibina ha detto...

Bellissimo lo scialle..così leggero ed aereo, mi piace anche il colore
Ciao!

knitting bear ha detto...

Che bello! Questo modello mi piace motlo e l'ho adocchiato da quando è uscito su knitty, ma non ho il coraggio di iniziarlo...
Brava!

Tzugumi ha detto...

Sai, ogni volta che leggevo il procedimento di bloccaggio sui blog anglofoni mi sembrava tutto così solenne e complicato, tant'è che ci ho rinunciato a priori...invece il tuo post è così chiaro e ricco di entusiasmo che mi ha invogliato a cimentarmi, per ora con un semplice Saroyan, poi chissà :)
Grazie e complimenti!

igea ha detto...

wowwwww!! è stupendo! ha qualcosa di magico!!!!
Complimenti!

Stefania ha detto...

grazie, grazie!
Eè davvero arioso eppure caldo, non è stato difficile, le istruziuoni sono abbastanza chiare, io mi sono un po' picchiata, ma se qualcuno vuole intraprenderlo posso aiutare!

mi fa piacere che le mie istruzioni siano utili!

elena ha detto...

Non avevo mai bloccato un lavoro, prima di cominciare a girare per blog. L'ho fatto con la Saroyan dopo che Alessia, di Beads and Tricks me lo ha suggerito. Le tue istruzioni sono molto chiare e il tuo lavoro è veramente un capolavoro. Molto bello anche il colore. Complimenti.
Elena

INFO DI SERVIZIO:

PER IL MOMENTO NON STO METTENDO IN VENDITA SU ETSY I FILATI TINTI CON PIGMENTI NATURALI, LI RISERVO PER I PROBABILI MERCATINI D'AUTUNNO, MA SE A QUALCUNO INTERESSANO SCRIVETEMI!!

LinkWithin

Blog Widget by LinkWithin

I MIEI FAVORITI SU FLICKR

VISITATORI PASSATI FINORA DA QUI:

counter to blogspot